Scuola veneta, XVII secolo, Natività

Scuola veneta, XVII secolo, Natività

Scuola veneta, XVII secolo

Natività

Olio su tela, cm 73 x 58 – con cornice cm 83,5 x 68

Scuola veneta, XVII secolo

Natività

Olio su tela, cm 73 x 58 – con cornice cm 83,5 x 68

La Natività qui presa in esame avviene nell’ombra della notte, in un silenzio profondo. Maria rappresenta sulla sinistra, giunge le mani in segno di preghiera e osserva con adorazione il Bambino. È seduta, con il corpo leggermente in torsione e il volto illuminato dalla luce irradiata dal Bambino, posizionato proprio dinnanzi a lei in una cesta. Il neonato è ancora nudo e riposa tranquillo, mentre san Giuseppe, raffigurato stante sulla sinistra, veglia su di lui. Fa da sfondo alla scena un edificio in rovina, che presenta un varco al centro dalla quale sbucano da vaporose nuvole i visi di due angioletti in gloria. Secondo il Vangelo di Luca, non appena Maria e Giuseppe entrano a Betlemme (erano giunti fin lì al fine di farsi registrare negli elenchi del censimento generale dell’Impero Romano), Maria entra in travaglio e devono quindi adattarsi in un riparo di fortuna, non trovando nessuna locanda disponibile ad accoglierli.

È sicuramente un episodio profondamente affettivo, intimo e di grande impatto emotivo con cui artisti di ogni calibro si sono misurati nel corso dei secoli. L’opera in questo caso si contraddistingue per i tratti gentili e aggraziati dei volti e per la resa dei panneggi sapientemente arrangiati, come si può osservare soprattutto dal manto blu della Vergine che si arriccia ai suoi piedi, così realistico nei suoi cangiantismi.

Epoca

XVII Secolo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Scuola veneta, XVII secolo, Natività”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.