Auguste-Alexandre Hirsch, Scena in città araba

Auguste-Alexandre Hirsch, Scena in città araba

Auguste-Alexandre Hirsch (Lione 1833 – Parigi 1911)

Scena in città araba

Olio su tela, cm 65 x 52 – con cornice cm 83,5 x 70

Auguste-Alexandre Hirsch (Lione 1833 – Parigi 1911)

Scena in città araba

Olio su tela, cm 65 x 52 – con cornice cm 83,5 x 70

 

Il pittore francese Auguste-Alexandre Hirsch (Lione 1833 – Parigi 1911) studiò alla Scuola di Belle Arti di Lione prima di entrare nell’atelier di Hippolyte Flandrin (1809-1864) e di Charles Gleyre (1806-1874). Dal 1857 espone in molti salon, tra cui il Salon des Artistes Français, la Société des Artistes Français e alle Esposizioni Universali. Realizzò ritratti, scene di genere, pitture di storia e litografie. Nel 1870 viaggiò in Marocco con Antoine Lecomte, recandosi per un periodo a Tageri per poi stabilirsi a Tetuan. Questa visita ispirò il suo periodo maturo: il suo focus si indirizzò così sulla figura femminile e sui temi orientalisti. Hirsch fu ispettore dell’insegnamento di disegno presso l’Administration de Beaux Arts nel 1879 e ispettore dei musei dipartimentali nel 1887. Scrisse l’articolo “Prospettiva pratica” per il Dizionario di pedagogia e istruzione primaria.

Come Lecomte, ritrae soprattutto la comunità ebraica, particolarmente numerosa in questa città, come nel Piccolo ebreo di Tetuan ed Istruzioni religiose in Marocco. Non manca di rappresentare però anche i musulmani, come nelle opere Ritorno degli Hadjis (1880 c.), Marocchini al bagno, Ritratto di marocchino. Nella tela in esame la composizione è molto poetica e rappresentativa del talento dell’artista; le giovani donne sembrano fluttuare leggere intorno ai tipici edifici arabi che dominano la composizione. L’immagine che ne deriva è un felice connubio tra uno studiato paesaggio pieno di luce, la geniale intuizione ritrattistica del pittore e la pittura accademica, ossia fra un’immagine reale e il sogno. L’opera può dunque essere ricondotta al secondo periodo maturo dell’artista, raffigurando uno scorcio di città che può essere identificato con Tetuan. Il dipinto si distingue per la luce che pare provenire direttamente dalla tela: osservandolo è evidente l’illusione della luce solare che si riflette sulle pareti bianche degli edifici. È altresì mirabile la perizia prospettica con la quale sono stati resi gli intricati vicoli tipici dell’architettura araba: vi sono più punti di fuga che permettono alla scena di svilupparsi in profondità, donando leggerezza ed evanescenza al clima che contraddistingua la composizione.

Epoca

XIX Secolo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Auguste-Alexandre Hirsch, Scena in città araba”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.