Attr. a Pierre Nicolas Huilliot, Natura morta con vaso di fiori

Attr. a Pierre Nicolas Huilliot, Natura morta con vaso di fiori

Attr. a Pierre Nicolas Huilliot (Parigi, 1647-1751)

Natura morta con vaso di fiori

Olio su tela, cm 90,5 x 75,5 – con cornice cm 104 x 89

Attr. a Pierre Nicolas Huilliot (Parigi, 1647-1751)

Natura morta con vaso di fiori

Olio su tela, cm 90,5 x 75,5 – con cornice cm 104 x 89

 

La natura morta in esame si può avvicinare alla mano di Pierre Nicolas Huilliot, parigino appartenente ad una famosa famiglia di artisti, figlio del pittore di nature morte Claude Huilliot (1632-1702 ca.), che lavorò con Jean Baptiste Monnoyer alla decorazione dei castelli di Versailles, Saint-Germain-en-Laye e Fontainebleau. Suo nonno aveva lavorato per Luigi XIV e Anna d’Austria come “Maitre peintre ordinaire des Bâtiments du Roi” in stretto contatto con Simon Vouet ed Eustache Le Sueur. Fu all’interno di questa ricca tradizione del barocco francese che il giovane Huilliot imparò a dipingere. Dopo aver ricevuto l’addestramento da suo padre, entrò nello studio di Robert Levrac-Tournieres (1667-1752). Studiò nella prestigiosa “Académie de Peinture et de Sculpture” a Parigi nel 1721 e fu menzionato per la prima volta nelle note dell’Accademia il 30 agosto di quell’anno per aver presentato un grande dipinto di un buffet con fiori e frutti. Huilliot espose al Salon dell’Accademia ininterrottamente dal 1737 al 1750. Nel corso della sua carriera si è specializzato nella pittura di nature morte di fiori, di cui divenne eccellente interprete, e nella pittura d’interni. Le sue opere erano molto popolari e compì numerose commissioni per la famiglia reale francese, tanto che nel 1739 gli fu affidato l’incarico di decorare il “petit appartement de la reine” a Versailles. Molte delle sue opere sono ancora presenti nei castelli di Versailles, Trianon e Fontainebleau. Il raffronto con le opere di Huillot si compie su basi stilistiche e formali nella rappresentazione e nell’impostazione scenografica dei fiori entro preziosi vasi istoriati ricorrenti nella sua pittura: garofani rossi, rose del deserto, crisantemi e fiori a grappolo bianchi e viola si ripetono nella tela con Vaso di fiori apparsa sul mercato. Anche la scelta di eleganti vasi sbalzati in bronzo e la ripetizione della mensola su cui vi sono poggiati, spesso con l’aggiunta di un tendaggio ad oscurare una parte dell’azzurro cielo, sono elementi ricorrenti in certa pittura di Huilliot, si vedano la Natura morta con vasi di fiori apparsa sul mercato e la Natura morta in un vaso d’argento (The Bowse Museum, UK).

Epoca

XVIII Secolo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Attr. a Pierre Nicolas Huilliot, Natura morta con vaso di fiori”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.