Scuola Veneta, XVIII secolo

Giuseppe venduto dai suoi fratelli

Olio su tela, cm 98 x 125

Con cornice, cm 113 x 149,5

 Scuola Veneta, XVIII secolo

Scuola Veneta, XVIII secolo

Giuseppe venduto dai suoi fratelli

Olio su tela, cm 98 x 125

Con cornice, cm 113 x 149,5 

Come narra il racconto biblico (Gen37,25-27 e Gen39,1-2), Giacobbe non si trattenne dal preferire, tra i numerosi figli, il primogenito dell’amata moglie Rachele, Giuseppe. Accecati dall’invidia e dall’evidente maggiore senno del giovane, i fratelli risolsero di venderlo nel deserto e di indurre il padre a credere che Giuseppe fosse morto. Secondo i differenti passi biblici, Giuseppe venne ceduto ai Madianiti oppure agli Ismaeliti, per poi comunque giungere nelle mani di Putifarre, il generale delle guardie del faraone. Nel presente dipinto si figura l’istante in cui un fratello maggiore, poggiata una mano sulla spalla del piccolo Giuseppe, riceve soddisfatto le monete dal compratore, stando a quanto narrato venti sicli d’argento. 

Se la matrice veneta di Pietro della Vecchia si riflette nel profilo del commerciante sulla destra rivestito del classico copricapo rosso allora invalso nei territori della laguna per rappresentare soggetti provenienti da territori ritenuti esotici, pure è al contesto di Giovanni Battista Piazzetta e alla sua cerchia che occorre ravvedere le maggiori somiglianze. 

Erede della corrente dei cosiddetti pittori tenebrosi, tra i quali rientravano da lunga data Zanchi, Loth e Langetti, il Piazzetta (1683-1754) accostò ben presto il puro chiaroscuro d’effetto per abbracciare una rinascita del luminismo neoveonesiano. Approdato a Bologna quando ancora fresco e malleabile di studi, l’artista si accostò alle opere dei Carracci e del Guercino, riconoscendo in Giuseppe Maria Crespi l’ispirazione per il superamento del tenebrismo. Nominato socio dell’Accademia Clementina, Piazzetta fece ritorno nella capitale della Serenissima, divenendo direttore dell’Accademia di Pittura. Partito nel 1716 per Vienna, la sua fama crebbe talmente che Francesco Algarotti presente a Venezia nel 1742 lo rammentò tra i pittori scelti da Augusto III di Sassonia per la decorazione della Galleria Reale di Dresda insieme a Tiepolo, Amigoni e Zuccarelli. 

Alcune somiglianze tra il dipinto e in esame e scelti particolari di significative opere del Piazzetta consentono di avvicinare il presente alla scia della sua bottega, prolifica e debitrice delle soluzioni veneziane più lungamente apprezzate dai committenti religiosi richiedenti uno smorzato pietismo. Lo stesso San Luca piazzettesco, così come oggi ci è tramandato da un’incisione di Marco Pitteri, potrebbe fornire un prototipo per l’assorto fratello di Giuseppe con il capo calcato da turbante. Una simile composizione ricorre invece nelle tele con Susanna (Palazzo degli Uffizi, Galleria degli Uffizi, Firenze) e i vecchioni e Cena in Emmaus (The Cleveland Museum of Art, Cleveland), come pure fanno i successivi allievi dell’artista quali Antonio Marinetti detto Chiozzotto (1719-1796), entrato nella sua bottega attorno agli anni Quaranta (si consideri il suo San Girolamo, di pertinenza di un ente religioso di Chioggia) nonché

Antonio Fumiani, con il Cristo rimprovera i figli di Zebedeo di collezione privata.

L'oggetto è in buono stato di conservazione

Con Ars Antiqua è possibile dilazionare tutti gli importi fino a un massimo € 7.500 a TASSO ZERO, per un totale di 15 RATE.

Es. Tot. € 4.500 = Rata mensile € 300 per 15 mesi.

Es. Tot. € 3.600 = Rata mensile € 720 per 5 mesi.

Per importi superiori a € 7.500 o per una maggiore dilazione nel tempo (oltre 15 rate), possiamo fornire un pagamento personalizzato.

Contattaci direttamente per avere il miglior preventivo.

DIRETTA TV

– DOMENICA 17.00 – 21.00 Dig.terr. 126 + 809 SKY

- GIOVEDI' 21.00 - 24.00 Dig.terr. 134 + 809 SKY

– In streaming sul nostro sito www.arsantiquasrl.com e sui nostri social Facebook e Youtube

Tutte le opere proposte da Ars Antiqua sono vendute corredate di certificato di autenticità a norma di legge e accurata scheda di approfondimento.

È possibile vedere direttamente le opere presso la galleria showroom di Milano, in via Pisacane 55 e 57.

Organizziamo personalmente trasporti e consegne delle opere, sia per l'Italia che per l'estero.

Riferimenti Specifici

Menu
Chiudi
Carrello
Chiudi
Indietro
Account
Chiudi
group_work Consenso ai cookie