XVII secolo, Bacco

Bacco_2
XVII secolo Bacco Olio su tela, cm 61 x 85 – con cornice cm 81 x 102
XVII secolo Bacco Olio su tela, cm 61 x 85 – con cornice cm 81 x 102   Bacco (chiamato dai Greci Dioniso) è il dio del vino e dei misteri. È il simbolo dell'ebbrezza, della sensualità e del vitalismo più sfrenato, quale si manifesta nei riti orgiastici in suo onore; ma è anche il dio che assicura ai 'puri', ai fedeli iniziati al suo culto segreto, una sorte beata nell'aldilà. È il dio dell'ambiguità: non a caso fu per gli antichi anche il dio del teatro. Dio della natura feconda e dell'agricoltura, Dioniso (o Bacco per i Romani) avrebbe per primo introdotto tra gli uomini il vino. Secondo il mito era figlio di Zeus e di una mortale, Semele: morta costei prima del parto (folgorata per aver voluto vedere Zeus nel suo aspetto reale), Zeus sarebbe riuscito a salvare il feto cucendolo nella sua coscia; di lì appunto sarebbe nato il dio. Allevato dalle ninfe e dai satiri, Dioniso avrebbe attraversato l'Oriente per giungere in Grecia, ovunque portando in dono la conoscenza del vino. A causa degli effetti inebrianti della nuova bevanda e del carattere sfrenato dei riti che celebravano il dio, il suo culto avrebbe incontrato forti resistenze, ma egli avrebbe punito duramente l'opposizione dei suoi nemici: il re tracio Licurgo, reso folle dal vino, finiva con l'uccidere moglie e figlio credendo di potare tralci di vite; e al re di Tebe Penteo la madre Agave, scambiandolo per un leone, recideva il capo durante un selvaggio baccanale sul monte Citerone. Si raccontava anche che, ancor giovane, era stato rapito dai pirati, ma che era riuscito a liberarsi miracolosamente: i lacci che gli legavano mani e piedi si erano sciolti da soli; sulla nave aveva cominciato a gorgogliare il vino, lungo la vela si erano venuti distendendo tralci di vite, intorno all'albero si era avvolta l'edera, e, quando il dio aveva mutato le sue sembianze in quelle di un leone, i pirati spaventati si erano buttati in mare, ove erano stati trasformati in delfini. Nel mito e nelle raffigurazioni sui vasi il dio è molto spesso rappresentato con fattezze giovanili e con i capelli fluenti; indossa una veste lunga e variopinta, e intorno a sé ha un corteo festante di satiri e di ninfe.  
SKU 8534

Scheda tecnica

slide_template
default
Epoca
XVII Secolo
camille_options
a:30:{s:6:"layout";s:7:"inherit";s:12:"small_layout";s:7:"inherit";s:15:"main_full_width";s:7:"inherit";s:10:"main_space";a:2:{s:3:"top";s:0:"";s:6:"bottom";s:0:"";}s:7:"sidebar";s:0:"";s:9:"main_menu";s:0:"";s:11:"hide_header";s:2:"no";s:13:"header_layou

Riferimenti Specifici

Nuovo prodotto
Menu
Chiudi
Carrello
Chiudi
Indietro
Account
Chiudi